RSS .92| RSS 2.0| ATOM 0.3
  • Home
  • Il Baluardo
  •  

    Le foibe della memoria

    12:52

    Il Riformista 10.02.2012 pag.2

    Ma il silenzio calato su Eluana e Piergiorgio Welby è doloroso. E rappresenta bene il fallimento della politica, così pronta, se serve, a cavalcare anche una storia drammatica come quella di Eluana. E, poi, a dimenticarsene quando non serve più.

     

    09.02.2009 Militia Christi davanti alla Quiete

    Napolitano oggi nella giornata del ricordo delle foibe (di cui si parla poco e male -quì si può, anzi sindaci regalano libri- in chiave negazionista) ha parlato di derive nazionalistiche (e i 150 con cui ci hanno ammorbato nell’anno della svendita della sovranità alle banche?) da evitare, peccato che i partigiani comunisti in nome di un internazionalismo si sono alleati con i titini e hanno massacrato altri partigiani italiani; Il 7 febbraio 1945 a Porzus.

    E come non ricordare l’uccisione da parte dello Stato italiano (e sempre Napolitano non ha firmato per fermarlo) di Eluana Englaro di cui ieri a Udine (tutti zitti però che stanno facendo un film) solo alcuni gruppi ricordavano la morte, fatto segnalato anche dal Riformista a pag.2?

    09.02.2012 Militia Christi davanti alla Quiete

    (dal Messaggero Veneto del 10.02.2012 p.1 e articolo più sotto)

    UDINE. «Per Eluana, mai più eutanasia», Read the rest of this entry »


    Volantino contro lo spettacolo blasfemo "Sul concetto di volto nel figlio di Dio"

    11:25


    Pronti alla mobilitazione!

    11:08

    Il Circolo Giovanile fa suo l'appello dei tanti esponenti del mondo cattolico che in questi giorni si stanno battendo affinchè a Milano non vada in scena lo spettacolo "Sul concetto di volto nel figlio di Dio", opera blasfema che culmina con il lancio di escrementi contro l'immagine del Sacro Volto di Nostro Signore.
    Anche Militia Christi ha già inviato una richiesta al teatro di annullare l'evento volgore in programma tra il 24 ed il 28 Gennaio; nel caso in cui la richiesta non avesse seguito siamo pronti già da adesso a portare in piazza le nostre bandiere e tutti gli amici ed i simpatizzanti del Movimento.
    Il Circolo Giovanile reitera quindi l'invito alla mobilitazione anche ai più giovani, per dimostrare che la gioventù cattolica è ancora disposta a manifestare il proprio dissenso nelle piazza d'Italia, ovunque l'onore di Dio venga offeso.
    Vi terremo comunque costantemente aggiornati su questa triste faccenda…

    ESTOTE PARATI!


    Blasfemi anche a Natale

    12:18

    Il Circolo Giovanile San Luigi IX di Militia Christi denuncia con indignazione l'affissione effettuata da appartenenti al centro sociale "Corto Circuito" nel territorio del X Municipio di Roma.
    I manifesti blasfemi invitano ad un'iniziativa denominata "Occupiamo il Natale", ed hanno per immagine la parodia della Madonna, rappresentata come uno scheletro col manto azzurro, nell'atto di tenere in braccio un bambino (evidente parodia di N.S. Gesù Cristo) che indossa una maschera sulla quale è disegnata una corce rovesciata.
    Davanti a questo atto non possiamo che chiedere al Comune di Roma la rimozione immediata di questi manifesti con la curiosità di vedere se tale richiesta avrà seguito visto che il sindaco Alemanno è sempre cosi disponibile quando si tratta di tutelare gli interessi e le iniziative di gruppi non cristiani.
    Nel caso in cui il Comune non provvederà alla rimozione, saranno gli stessi militanti del Movimento ad oscurare detti manifesti, compiendo un atto dovuto nei confronti della nostra Città e della Fede ancora una volta oltraggiata.

    Militia Christi
    Ufficio Stampa
    3476407248


    Iniziativa natalizia di beneficenza!

    20:40

    Ama-il-prossimo-tuo


    Giornata di solidarietà con il popolo palestinese

    13:55

    Da Radiovaticana:
    Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata Onu di solidarietà col popolo palestinese. Il 29 novembre 1947, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la risoluzione 181, che prevedeva la creazione di uno Stato ebraico e uno Stato arabo e attribuiva a Gerusalemme un regime internazionale speciale. Oggi, ad oltre 60 anni, il Medio Oriente ancora non conosce pace: i colloqui israelo-palestinesi sono infatti in fase di stallo. Intanto, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha chiesto il riconoscimento della Palestina all’Onu: al riguardo, nella comunità internazionale è aperto il dibattito, mentre l’Unesco ha già approvato l’ingresso palestinese nell’organizzazione. Nei giorni scorsi, Pax Christi ha tenuto a Bulciago – paese dell’attivista italiano Vittorio Arrigoni, ucciso in aprile a Gaza – un Convegno dedicato al conflitto israelo-palestinese, alle diverse realtà impegnate in Medio Oriente e in particolare alla questione dell’acqua nella Valle del Giordano e nella Striscia di Gaza. Sulla situazione dei cristiani in Terra Santa, Giada Aquilino ha intervistato padre Raed Abushalia, parroco a Taybeh, villaggio cristiano tra Gerusalemme e Ramallah:RealAudioMP3 

    R. – Niente è cambiato per il meglio: non c’è negoziato, non c’è processo di pace. Allo stesso tempo, si continuano a costruire insediamenti Gerusalemme è chiusa a tutti i palestinesi, cristiani e musulmani: ci sono posti di blocco, c’è disoccupazione, la gente non può entrare in Israele o a Gerusalemme per lavorare. Questa è la situazione attuale. I cristiani sono una parte del popolo palestinese e perciò sono sotto occupazione e quindi soffrono di questa situazione.

    D. – Padre, lei è parroco a Taybeh, che è un villaggio tra Gerusalemme e Ramallah. Come può essere descritta la situazione in quella zona?

    R. – Taybeh è l’unico e l’ultimo villaggio interamente cristiano in Terra Santa. Siamo 30 km a nord di Gerusalemme, a nordest di Ramallah, nei Territori palestinesi. Anche se la popolazione è piccola – 1.300 abitanti, tutti cristiani – la situazione è uguale a quella degli altri villaggi vicini. Ma noi abbiamo la fortuna di avere quasi tutto: la chiesa, la scuola, un centro medico, una casa di riposo per gli anziani e due case di accoglienza per i pellegrini. Grazie a Dio, poi, da alcuni anni i pellegrini che vengono in Terra Santa passano da noi, perché vogliono essere a contatto con la comunità locale, con i cristiani della Terra Santa. Assistono alla Messa domenicale o quotidiana, parliamo con loro, possono visitare il villaggio e possono mangiare e dormire qui. Tengo molto a lanciare l’appello al ritorno dei pellegrini: venite, non abbiate paura di venire, non lasciateci da soli, perché questo è un segno di solidarietà con le popolazioni della Terra Santa e soprattutto con la comunità cristiana.

    D. – Possiamo dire che Taybeh è un po’ il simbolo dei cristiani di Terra Santa. Qual è la speranza che spinge quei cristiani a rimanere?

    R. – Taybeh può essere definita come la roccaforte del cristianesimo in Terra Santa, anche se questo villaggio ha molto sofferto per l’emigrazione: oggi, come ho detto, gli abitanti sono 1.300, ma negli anni Sessanta erano 3.400. Dunque, abbiamo dovuto impegnarci anche nel campo dello sviluppo economico per incoraggiarli a rimanere, per dare lavoro alla gente, per aiutarli a non emigrare. La Chiesa, qui, dà lavoro a 86 persone e questo significa 86 famiglie che possono lavorare e quindi restare.

    D. – A ottobre 2010, l’Assemblea speciale per il Medio Oriente del Sinodo dei Vescovi ha voluto confermare e rafforzare i cristiani nella loro identità mediante la Parola di Dio. Com’è vissuta tale missione in Terra Santa?

    R. – Questo incontro del Sinodo l’ho inteso come risposta, come frutto della visita nel 2009 del Santo Padre in Terra Santa, quando lui ha vissuto e ha compreso molto bene la situazione che si vive in queste zone. Credo che la prima cosa di cui i cristiani e le popolazioni della Terra Santa hanno bisogno sia il grande dono della pace.

    D. – In occasione della Giornata Onu per i diritti del popolo palestinese, per cui anche Pax Christi è mobilitata, quale appello si può levare dalla Terra Santa?

    R. – Lancio un appello alla pace in Terra Santa, perché possa essere risolto il conflitto israelo-palestinese. (gf)


    I Domenica d'Avvento tra speranza e penitenza

    14:10

    prova


    Appello alla Gioventù Cattolica!

    08:46

    Nella notte tra giovedi e venerdi un gruppo di militanti del Cirolo Giovanile San Luigi IX ha affisso davanti a numerosi licei romani alcuni manifesti aggregativi per rilanciare una campagna di adesione che, al giorno d'oggi, risulta tanto difficile da portare avanti quanto urgente e doverosa.
    La gioventù infatti, insieme con le altre fasce più deboli, è sempre più colpita da misure inique e miopi in politica economica e sociale, schiavi ormai della precarietà su tutti i fronti, dalla casa al lavoro e conseguentemente la possibilità di avere una famiglia.
    Se poi approfondiamo questa analisi alla gioventù cattolica, la situazione diventa disastrosa considerando
    il disorientamento causato da false dottrine ideologiche già morte nel secolo scorso che hanno devastato la nostra Patria e tanti altri paesi, ma soprattutto  l'ondata di un laicismo sempre più aggressivo ed intollerante nei confronti della Fede nella quale si trovano le radici stesse d'Europa.
    La modernità, con le sue nefandezze dall'aborto al divorzio, dall'eutanasia a presunti "matrimoni" gay (giusto per citarne alcune),  pone noi ragazzi davanti ad un bivio: da un lato la comoda possibilità di cedere ed omologarsi, dall'altro resistere, alzare la testa e ribellarsi ad un sistema corrotto guidato da potenti gruppi più o meno occulti dal mondo delle logge massoniche a quello dell'alta finanza, spesso collegati tra loro.
    Noi la nostra strada l'abbiamo già scelta…tu cosa farai?

    Aggregativo


    NO ALL'ICI SULLA PRIMA CASA!

    12:27

    esenzione ici


    Devastazione a Roma! Comunicato di Militia Christi

    21:24
    Roma 15 Ottobre 2011 
     
    Di fronte alla devastazione e alla violenza gratuita dai centri sociali e dai loro conniventi più o meno moderati, più o meno estremisti, cui è stata sottoposta Roma questa sera  per l’ennesima volta, il Movimento Politico Cattolico Militia Christi chiede e pretende dalle istituzioni una risposta forte.

    Non è ammissibile che migliaia di cittadini onesti siano costretti in ostaggio nelle loro case per paura, né che una città intera subisca danni milionari ad opera di teppisti e frange violente e ben organizzate per lo più protette dall’onorevole di turno. Le violenze di questa sera dimostrano inequivocabilmente il totale fallimento dell’attuale sistema politico, incapace di garantire il normale svolgimento della vita del Paese.

    Militia Christi, ferita in particolar modo dalle gravi devastazioni blasfeme – assalto alla chiesa di San Marcellino in Via Labicana con distruzione a suon di bastonate di una statua della Vergine Maria, e una bestemmia scritta sul muro davanti l’istituto cattolico “Cor Jesu” – chiede alle istituzioni di assumersi le proprie responsabilità. 

    Pertanto il Movimento, oltre alla chiusura dei centri sociali, chiede le dimissioni del Prefetto di Roma, Pecoraro, e del Sindaco Alemanno responsabili di una tragedia annunciata nei confronti della quale andava soltanto opposto un fermo divieto suffragato da un proporzionato contingente dell’esercito italiano.

    I veri indignati, ora, siamo noi.